venerdì 4 agosto 2017

Spigolo Rivero, sulle orme dei pionieri

Weekend funestato da tempo dichiarato instabile con temporali nel pomeriggio. Io e Silvia abbandoniamo l'idea dell'alta montagna per andare a tastare la roccia ..vera.

Sabato 29 Luglio. Rocca sbarua Siamo decisamente fuori stagione.. esposizione s Sud.. ci squaglieremo? Al rifugio Casa Canada c'è un gruppo di bambini che fanno Estate Ragazzi. Proseguiamo verso lo Spigolo Rivero. Una superclassica che avevo fatto la prima volta nel ..1991! Sempre attuale, una successione di fessure, diedrini conditi da qualche rassicurante spit. A
metà la via sembra perdersi nelle placche ma un traverso deciso verso sinistra permette di seguire il filo logico che aveva guidato i temerari Michele Rivero, Guido de Rege e Piero Ghiglione negli anni 40. Molto suggestivo ripercorrerne la storia e incrociando qualche loro (forse) vecchio chiodo.

Spigolo Rivero, 6 tiri per 140m di dislivello, difficotà massima 5.



[Silvia da prima, sull'ultimo tiro]

[In cima]

[Lo sperone Cinquetti, dalla cima del Rivero]

[Il Torrione Grigio e a destra gli Argonauti. In alto
da sinistra a destra i torrioni Alice, Rubinetto, Fungo, Nonno e Nonna]


[sul sentiero di discesa]




3 commenti:

marianorun ha detto...

Complimenti veramente. Incrociando qualche antico chiodo avete dato un senso nuovo e vitale a certi gesti confinati nella memoria e nelle passioni dei primi pionieri, ma soprattutto avete liberato il coraggio ed altre virtù che allenano l'essere umano, portandolo a sconfinare da sé, nella ricerca dell'infinito.

Enrico ha detto...

Ciao Mariano, è emozionante imbattersi nelle tracce degli antichi. Una porta nel tempo, che pare riaccendere la storia di quegli uomini che 80 anni fa inseguivano con il coraggio l'idea molto umana (la stessa di oggi) della perfezione.

robiflinstone ha detto...

Bella via....storica!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.