giovedì 6 luglio 2017

Boga e Salpa


Pesci piccoli questi, la cossidetta mangianza, ma hanno saputo comunque emozionarmi, nuotandoci in mezzo, durantela scorsa l'uscita del corso PSS a Capo Noli

Boga. [Wiki] Scendere a 15, 20 metri ed
essere avvolto da quasi una nuvola di questi pesciolini dai grandi occhi e dai riflessi argentei. Si aprono lentamente davanti a te per poi richiudersi dietro al tuo passaggio. Ma se ti immergi piano, allora quasi non si spostano. Bello esserci in mezzo, ma anche vederli dalla superficie mentre si simmerge un altro sub.

Salpa. [Wiki] Giallo è il colore. Più diffidenti delle boghe, mantenevano più la distanza.. tuttavia
altrettanto spettacolari, stretti tra loro in branchi compatti, tra gli scogli anche molto vicini alla costa.

E non mi dilungherò nelle Donzelle, Castagnole e Sciarrani già incontrati qualche tempo fa.


[Salpa]

[Boga]

[Salpe]

4 commenti:

marianorun ha detto...

Bello, Enrico! Il mondo è meno di una lisca di pesce diceva Charles Bukowski. Nel suo mondo il pesce era solo un’illusione ittica. Nel nostro è sicuramente un incontro interiore. E fotografarlo, una passione dell'anima... Si salpi chi può ;-)

nino ha detto...

ma a quella profondita le orecchie ?

Enrico ha detto...

Mario, chevvuoi che dica.. son rimasto abbindolato da due raggi di luce riflessi dalle squame di questi pescetti e diffratti dall'acqua salmastra e poi entrati nella pupilla attraverso il vetro della maschera.. ci vuole poco per prendermi!

Enrico ha detto...

Nino, è tutto un giuoco di orecchie!.. ma non solo. È un gran bello sport e io l'ho scoperto tardi. Ma tardi non è mai troppo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.